Bioimpedenziometria Vettoriale


 La bilancia non è un buon indicatore del nostro stato di salute o della quantità di grasso o muscolo contenuti nel nostro corpo. La Bioimpedenziometria vettoriale, attraverso misure bioelettriche, permette di conoscere approfonditamente lo stato di idratazione (dalla ritenzione idrica, fino alla disidratazione), lo stato generale delle membrane cellulari, la qualità del muscolo e valutare i rischi di sovrallenamento e infortunio.  I dati ottenuti consentono di porre le basi per una conoscenza analitica diretta del nostro peso corporeo in termini di idratazione e tessuti cellulari.

bioimpedeziometria vettoriale heraklesSi tratta di uno strumento fondamentale nella pratica nutrizionale ed ancor più nella diagnostica sportiva, poiché consente tramite un monitoraggio continuo nel tempo di valutare l’efficacia dell’allenamento e dell’alimentazione, che si riflette nella qualità muscolare e di idratazione.

Gli unici strumenti ad oggi in grado di effettuare la un’analisi di tipo vettoriale sono i bioimpedenziometri Akern. Non si tratta di banale pubblicità al prodotto, quanto piuttosto una garanzia di serietà e qualità. Tra la miriade di bilance, bilancette, giocattoli, impedenziometri, ecc. la Akern fornisce uno strumento medicale, usato anche in clinica e in ricerca, e validato da una solida letteratura scientifica.

I parametri direttamente misurati sono:

Resistenza (R) – La resistenza è quella forza che un corpo oppone al passaggio di una corrente elettrica. I tessuti privi di grasso sono discreti conduttori: essi sono ricchi di fluidi ed elettroliti ed oppongono una resistenza relativamente bassa al passaggio di correnti elettriche alternate. Al contrario, tessuti lipidici e lo scheletro sono conduttori meno efficienti in quanto poveri di fluidi ed elettroliti, ed oppongono una resistenza più elevata. Un corpo con molti fluidi o con poco grasso avrà quindi una R proporzionalmente più bassa.

Reattanza (Xc) – Conosciuta anche come resistenza capacitiva è la forza che un condensatore oppone al passaggio della corrente alternata. Per definizione un condensatore consiste in due o più piastre conduttive, separate tra loro da uno strato di materiale non conduttivo. Le cellule presenti nell’organismo si comportano come condensatori che oppongono alla corrente alternata una Resistenza Capacitiva o Reattanza. La reattanza è quindi una misura in diretta correlazione con la quantità di membrane cellulari integre e permette di valutare quindi l’abbondanza di cellule muscolari.

Angolo di Fase (PA) – Dall’Inglese Phase Angle esprime le proporzioni tra soluti intra ed extracellulari nel corpo umano. In un essere umano normale, l’angolo di fase oscilla tra 6 ed 8 gradi. Nei bodybuilder professionisti va oltre gli 8°. Consente di valutare la qualità della massa muscolare rispetto alla massa grassa. L’angolo di fase ha inoltre dimostrato avere un forte valore prognostico in svariate patologie croniche.

Oltre tali parametri lo strumento fornisce le solite stime della percentuale di massa magra, massa grassa, metabolismo basale, BMI, ecc. Tali valori, comuni alla bioimpedenziometria classica, alla plicometria e ad altre metodiche di misurazione della composizione corporea sono sempre valori stimati, relativamente utili nel caso dell’individuo medio, ma di scarso valore per lo sportivo professionista.

La BIA Vettoriale Akern invece fornisce due grafici, il Biagram e il Biavector, che permettono di visualizzare graficamente lo stato metabolico del paziente e valutarne la modificazione nel tempo utilizzando soltanto le misure dirette (e non stimate matematicamente) di Reattanza, Resistenza e Angolo di fase, in modo da fornire parametri di utilità concreta per il professionista competente che deve gestire l’alimentazione e l’allenamento dell’atleta.

Per informazioni su come effettuare l’esame e su come si svolge la visita nutrizionale visitate questa pagina o direttamente contattateci.